È uscito il numero di marzo 2018 di Pet B2B

I premi alle aziende del settore pet, i numeri di mercato per la Gdo, le inchieste sui segmenti degli snack and treats e dei prodotti per il viaggio, le ultime novità sul fronte della mangimistica nell’acquariologia: tutto questo e molto altro sul numero di marzo 2018 di Pet B2B. La rivista è in distribuzione in questi giorni.

PET AWARD 2018 – Il 13 febbraio sono stati assegnati a Monza, i premi Pet Award 2018 di Marketing Consulting. A ricevere il premio quest’anno sono stati Monge ed Enova. Giunta alla terza edizione, l’iniziativa si basa sul giudizio espresso dai consumatori attraverso un blind test. Ottengono il riconoscimento i candidati con una valutazione minima di 7/10 e per cui il 70% della giuria si dichiara favorevole all’acquisto.

COVER STORY – Il marchio Eukanuba, acquisito due anni fa insieme a Iams, a breve sarà protagonista del lancio di una nuova linea di mantenimento con ricette e packaging completamente rinnovati. «Punteremo sul canale dei pet shop e delle catene, coinvolgendo anche gli allevatori», spiega Carlo Manicardi, direttore Divisione Pet Italia di Spectrum Brands.

MERCATO – L’ultimo trimestre del 2017 ha raffreddato la crescita del pet food nel canale Gdo. L’incremento delle vendite nel confronto tra lo scorso anno e il 2016 si ferma a un trend di +1,9% a volume e +1,7% a valore. Il rallentamento è evidente, come emerge dai dati IRI relativi all’intero 2017 che Pet B2B pubblica in esclusiva. Questi dati si riferiscono alla rete di ipermercati, supermercati ed esercizi a libero servizio con una superficie commerciale da 100 a 399 mq.

PET FOOD – Pur essendo il segmento più dinamico di tutto il settore pet food, lo snack continua a incrementare le vendite, ma con tassi inferiori rispetto al passato. Nel prossimo futuro la categoria dei fuoripasto sembra potersi slegare dalla logica dell’acquisto d’impulso, ma a oggi le strategie di industria e retail non sono ancora allineate su questo fronte.

VIAGGIO – Negli ultimi anni l’Italia è diventata uno dei Paesi più pet friendly. La crescita di strutture a misura di animali è proporzionale a quella dei consumi di articoli specifici per il trasporto in auto, sull’aereo o in treno. Sempre più richiesti sono in particolare i prodotti per chi in vacanza fa vita attiva con il cane: dal trekking, alla corsa, fino al pic nic.

CANALE – Il gruppo Naturalandia conta 31 punti vendita, tra garden center, pet shop e agrarie, in Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Toscana e Umbria. «Siamo aperti all’ingresso di nuovi associati» spiega il capogruppo Giordano Fedrigo. Ai soci è richiesto che il 70% dell’assortimento sia rappresentato dai marchi con cui collabora il gruppo.

INDIPENDENTE – Il reparto pet del Centro Giardinaggio San Fruttuoso di Monza offre un assortimento di 10.000 referenze focalizzato prevalentemente su food e snack. Grande importanza ha anche l’acquariologia, nonostante le difficoltà del settore. Forte è l’impegno dell’insegna sul piano della comunicazione e delle promozioni.

ACQUARIOLOGIA – Cinque fra i maggiori produttori di mangimi per il segmento acquariologico spiegano in che modo il mercato dei mangimi si orienta verso una specializzazione sempre più marcata.

Per scaricare la rivista:

www.petb2b.it/newsletter/petb2b-mar18.pdf

Per sfogliare la rivista:

Potrebbero interessarti anche...