Calano i pet nel Regno Unito, soprattutto pesci e piccoli mammiferi

Cala la presenza di animali domestici nelle famiglie del Regno Unito. Dal 2012 a oggi la percentuale di proprietari di pet fra il popolo britannico è diminuita passando dal 63% al 56%. A rivelarlo è Mintel, azienda specializzata in ricerche di mercato che ha pubblicato la ricerca “UK Britain’s Pet Owners market report”.

Il calo maggiore si verifica per i pesci, presenti nel 17% delle case inglesi nel 2012 e scesi oggi al 10%. I piccoli mammiferi passano dal 10% al 7%. Fra i proprietari di cani, un uomo su tre ne ha almeno uno mentre la percentuale scende al 27% fra le donne. I valori si invertono in riferimento ai gatti: il 29% degli uomini ne possiede almeno uno, contro il 32% delle donne.

L’incidenza maggiore di animali domestici si ha fra le famiglie che hanno figli sotto i 16 anni, fra le quali si riscontra la presenza di un pet per il 73% dei casi. La generazione sopra i 65 anni di età invece è quella in cui si verifica la percentuale più bassa: 36%.

Potrebbero interessarti anche...